giovedì 13 dicembre 2012

Lunedì 17 dicembre - SOFFIO di Kim Ki-duk, serata AMENIC & AVIS


per l’ultimo appuntamento dell’anno

AmeNiCCineMA

in collaborazione con l’AVIS di Crema
presenta

SOFFIO
di Kim Ki-duk, Corea del Sud 2007, col, 84’
con Chang Chen, Park Ji-a, Ha Jung-woo



Una prigione, un parlatorio e una donna tradita dal marito che si innamora di un condannato a morte. Durante gli incontri la donna ricrea il ritmo delle stagioni tappezzando la stanza con carta da parati e fotografie.

Kim, straordinario autore sudcoreano già vincitore del Leone d’argento nel 2004 con il film Ferro3 - La casa vuota, vince quest’anno il Leone d’oro alla 69ma Mostra d'Arte Cinematografica Internazionale di Venezia con il film Pieta.


(ingresso con tessera gratuita!)

venerdì 7 dicembre 2012

Lunedì 10 dicembre - Il ritorno


per la rassegna "Leoni di Venezia"

Il ritorno
di Andrei Zviagintsev

Russia, 2003, col., 105 min
Con: Konstantin Lavronenko, Ivan Dobronravov, Vladimir Garin


  



I fratelli Andrei e Ivan vivono i conflitti dell'adolescenza in una Russia rurale fatta di laghi e grandi pianure. L'improvviso ritorno del padre dopo molti anni di assenza significherà per loro l'inizio di un viaggio crudele e meraviglioso.

L'eleganza formale e le splendide interpretazioni dei protagonisti hanno fatto meritare a quest'opera prima del regista Andrei Zviagintsev il Leone d'Oro alla Mostra del Cinema di Venezia del 2003.



Ti aspettiamo.
AMENICCINEMA

venerdì 30 novembre 2012

Lunedì 3 dicembre - Anni di piombo


ANNI DI PIOMBO
di Margarethe von Trotta, RFT 1981, col, 109’
con Jutta Lampe, Barbara Sukowa, Rüdiger Vogler, Doris Schade



Il film racconta il complesso rapporto di identità e dipendenza che lega due sorelle: Juliane (Lampe) lavora come giornalista in un giornale femminista, Marianne (Sukowa ) abbandona marito e figlio e sceglie la lotta armata nella RAF. 
Il 18 ottobre del 1977 Marianne è trovata morta nella sua cella ma la sorella non crede alla versione del suicidio.

Ispirato alla storia vera delle sorelle Christiane e Gudrun Esslin, è un dramma psicologico più che un film politico. Durante i loro incontri le due donne discutono il loro pensiero politicoricordano la loro infanzia, difendono le proprie scelte; una collisione tra il "dentro" privato e commosso di questo rapporto e il "fuori" accidentato della Storia.

Grande prova delle due attrici e Leone d’oro a Venezia nel 1981.




giovedì 22 novembre 2012

Lunedì 26 novembre - Leoni di Venezia - Le mani sulla città





Comincia la rassegna "Leoni di Venezia" dedicata a tre film premiati alla Mostra del Cinema:

Le mani sulla città
di Francesco Rosi

Italia, 1963, b/n, 105 min
Con: Rod Steiger, Salvo Randone, Guido Alberti

  



Le mani sulla città di Francesco Rosi, vincitore del Leone D’Oro nel 1963, racconta la Napoli dei primi Anni Sessanta, dove affari privati e politica vanno a braccetto. Sono all'ordine del giorno le tangenti, la speculazione edilizia e la conseguente cementificazione. Politici disonesti si nascondono dietro la patina dell’apparato burocratico per continuare a tessere trame che hanno come unico scopo l’interesse personale.



Ti aspettiamo.
AMENICCINEMA

mercoledì 14 novembre 2012

Lunedì 19 novembre - Gli amanti del circolo polare


Gli amanti del circolo polare
di Julio Medem
 Spagna/Francia 1998, col., 116’

Con: Najwa Nimri, Fele Martínez, Nancho Novo, Maru Valdivielso, Peru Medem
  



Anna e Otto, innamorati fin da piccoli, sono i due protagonisti di una storia d'amore tenera, segreta e appassionata che si snoda lungo un periodo che va dagli otto ai venticinque anni di età. La vita li separa finché la Finlandia diventa il luogo della loro possibile riunione (o della separazione definitiva).

Una parabola sull’amore eterno e un viaggio che appassiona e commuove muovendosi tra sogno e realtà. Il film è stato presentato in concorso alla 55ma Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia.




Ti aspettiamo.
AMENICCINEMA

mercoledì 7 novembre 2012

Lunedì 12 novembre - Princesas


PRINCESAS
di Fernando León de Aranoa

Con: Candela Peña, Micaela Nevárez, Mariana Cordero, Llum Barrera, Violeta Pérez  



Madrid. Zulema è un'immigrata dominicana che si prostituisce con l’obiettivo di portare in Spagna il figlio di cinque anni. Caye, anche lei prostituta, è una ragazza spagnola e la sua famiglia è all’oscuro di tutto. L'incontro tra Caye e Zulema all'inizio è piuttosto burrascoso ma col tempo le due 'Principesse'  instaurano un solido rapporto di amicizia che le porterà lungo un percorso di maturazione e crescita, nella speranza di raggiungere una vita migliore.

De Aranoa racconta un'altra storia ambientata nella periferia d'una grande città. Lo sguardo del regista, anche sceneggiatore, segue le due donne con intensa partecipazione cercando però di mantenere sempre un tono cronachistico.  Le due attrici hanno vinto il premio Goya come miglior attrice protagonista e non protagonista.




Ti aspettiamo.
AMENICCINEMA

lunedì 5 novembre 2012

Lunedì 5 novembre - La comunidad


LA COMUNIDAD – INTRIGO ALL’ULTIMO PIANO
di Alex de la Iglesia, Spagna 2000, col. 105’
con Carmen Maura, Eduardo Antuna, Emilio Gutierez Caba



L’agente immobiliare Julia trova per caso in un fatiscente stabile madrileno la vincita miliardaria di un vecchio inquilino appena deceduto. Ma non sa che i mostruosi condomini ne avevano pianificato la spartizione molto tempo addietro: ciascuno, pur di avere in mano il malloppo, non esita a stringere alleanze e a smentirle poco dopo e così si susseguono doppi giochi, scambi di persona e false dichiarazioni.

Il regista spagnolo, per la precisione basco, non si accontenta del film di genere e mira alla satira sociale muovendosi tra suspense e humour nero. Enorme successo in Spagna dove il film ha vinto tre Goya tra cui quello come miglior attrice a Carmen Maura.




sabato 16 giugno 2012

Mercoledì 20 giugno - Mare chiuso



MARE CHIUSO
di Stefano LibertiAndrea Segre. Italia 2012, 60 min.




 


Documentario prodotto dall'Associazione ZaLab che, insieme con Open Society Foundations Amnesty International Italia, chiede che mercoledì prossimo diventi quest'anno il giorno in cui l'Italia si impegna ufficialmente a non fare mai più respingimenti.


Il film racconta ciò che è avvenuto nel nostro Paese tra il 2009 e il 2010, in seguito al trattato di amicizia Italia-Libia del 2008 e in applicazione degli accordi tecnici del 2007 relativi al pattugliamento congiunto. Molti dei respinti non identificati erano richiedenti asilo, fuggiti da persecuzioni e guerre. Sono stati rimandati in Libia dove sono stati imprigionati, torturati e deportati dalla polizia di Gheddafi.




Per maggiori informazioni relative al documentario e ai premi vinti:

                                                                                                               


Evento speciale in collaborazione con IPSIA Cremona



sabato 9 giugno 2012

Lunedì 11 giugno - Goshu il violoncellista


L’ARTISTA DA GIOVANE


GOSHU IL VIOLONCELLISTA

di Isao Takahata, Giappone, 1982, col. 65’


 
Giappone, primi del Novecento. Goshu è un giovane violoncellista che sta preparando con l'orchestra del suo paese l'esecuzione della sinfonia "Pastorale" di Beethoven. Le lamentele del direttore per i suoi frequenti errori non si contano e torna a casa dalle prove piuttosto abbattuto. Una sera però uno strano gatto viene a fargli visita...
Breve film d'animazione del grande regista Isao Takahata, fondatore con Hayao Miyazaki dello Studio Ghibli. Tratto da un racconto di Kenji Miyazawa che unisce elementi fantastici e realistici per creare una parabola insieme semplice e profonda.
 


Ti aspettiamo.
AMENICCINEMA

lunedì 4 giugno 2012

Lunedì 4 giugno - Il mondo di Apu


IL MONDO DI APU 
di Satyajit Ray, INDIA, 1959, b/n 105’
Con: Soumitra Chatterjee, Sharmila Tagore


Immagine in linea 1

 
Calcutta anni ’30. Squattrinato e senza un lavoro fisso, con ambizioni letterarie ancora insoddisfatte, Apu si adatta a un matrimonio di convenienza, sposando la bella Aparna, promessa sposa di un folle.

Con questo film Satyajit Ray chiude la cosiddetta “trilogia di Apu”, iniziata con Pather Panchali (Il lamento sul sentiero) e proseguita con Aparajito (L’invitto). Il regista si tiene in bilico tra pessimismo e serenità rappresentando la realtà in modo contemplativo ma ponendo attenzione anche ai particolari, al paesaggio e soprattutto agli esseri umani. Lo stile che lo caratterizza rimanda ai film giapponesi di Ozu e di Mizoguchi.


Ti aspettiamo.
AMENICCINEMA

venerdì 25 maggio 2012

Lunedì 28 maggio - Heimat 2: Parte 1 - l'epoca delle prime canzoni


 rassegna
L’ARTISTA DA GIOVANE

HEIMAT 2 - CRONACA DI UNA GIOVINEZZA
Parte prima: L'EPOCA DELLE PRIME CANZONI
di Edgar Reitz, Germania 1992, b/n e col. 120’
con: Henry Arnold, Salome Kammer, Daniel Smith, Hanna Kohler



Germania, 1960. Hermann Simon, ottenuti ottimi voti all'esame di maturità e composto un concerto per coro e orchestra, lascia la “Heimat”, il paese natale nell'Hunsrück, e si reca a Monaco per studiare musica. Giunto nella grande città, il giovane supera l'esame di ammissione al conservatorio, dove studia pianoforte e composizione, ed entra nel giro bohémien di Villa Fuchsbau. Un giorno conosce Clarissa, una ragazza che insieme a due colleghi presenta agli studenti un "concerto" per violoncello della durata di un minuto, fatto in gran parte di assenza di suono, e se ne innamora.

Primo episodio di HEIMAT 2 - CRONACA DI UNA GIOVINEZZA, opera-fiume in tredici capitoli, 26 ore e 32 minuti, scritta prodotta e diretta da Edgar Reitz per la televisione tedesca e presentata trionfalmente alla Mostra di Venezia del 1992. Nonostante la scansione da miniserie televisiva ogni episodio è un vero e proprio film e tutti insieme formano un affresco sulla giovinezza, sul suo mito, sul contrasto tra l'ideale e il reale.







Ti aspettiamo.
AMENICCINEMA

lunedì 21 maggio 2012

Lunedì 21 maggio - Ho affittato un killer


      HO AFFITTATO UN KILLER

di Aki KaurismäkiFIN/SV, 1990, col. 85’
con: Jean-Pierre Léaud, Margi Clarke, Kenneth Colley, Joe Strummer



Immagine in linea 1 

Il francese Henri Boulanger (Jean-Pierre Léaud) conduce una vita in levare, monotona e solitaria. Distrutto nel morale per esser stato licenziato dall'azienda in cui era impiegato da quindici anni, sbattuto fuori con una stretta di mano e un orologio guasto, è ossessionato da un unico pensiero: il suicidio. Dopo vari tentativi falliti paga un killer per farsi uccidere, ma poi ci ripensa e tenta in tutti i modi di annullare il contratto.

Il film si svolge nei sobborghi della Londra thatcheriana anni ’80 ma sembra ambientato nella Finlandia operaia di Kaurismäki, con gli interni sciatti e gli esterni poveri abitati da personaggi sconfitti. Notevole la fotografia dai colori intensi di Timo Salminen.

Ti aspettiamo.
AMENICCINEMA