giovedì 4 maggio 2017

Lunedì 8 Maggio: Le beau Serge

Inaugura la rassegna L'ONDA CHE VENNE DAI CAHIERS


Le beau Serge

Allontanatosi per motivi di salute dall'aria della metropoli, François fa momentaneo ritorno al paesino della sua infanzia. Tra le vecchie conoscenze in cui si imbatte c'è Serge, che si è lasciato sopraffare dalle avversità della vita ed è ora un alcolista. Il torpore e l'abbrutita routine di Serge (fatta anche del rapporto con un suocero altrettanto disperato e la figliastra maliziosa e sensuale di quest'ultimo) sembrano senza via d'uscita; nemmeno la prospettiva di una prossima paternità ha più valore per lui. François, turbato e rattristato dalle sorti dell'amico, si sente in dovere di offrire aiuto ma Serge, non del tutto a torto, vede nella generosità di quei gesti la presunzione e l'ipocrisia dell'imborghesito. La strada per l'esasperazione si fa inevitabile.

Le beau Serge è il film d'esordio di Claude Chabrol (che potè produrlo grazie ad un'inattesa eredità) e la prima opera-manifesto della 'Nouvelle vague'. Sebbene con fare acerbo e disorganico, il regista fissa efficacemente su pellicola alcune delle istanze propugnate con forza dal gruppo di intellettuali e di critici - i redattori della rivista "Cahiers du cinéma" - di cui faceva parte (rinuncia a orpelli e costruzioni a favore di un afflato più genuino, diretto e libero; interesse per le comuni storie di realtà contemporanea; rinnovata considerazione nei confronti dei luoghi esterni e dei paesaggi naturali) e fornisce immediata prova di un'attenzione per l'analisi morale, psicologica e sociale che sarà tra le caratteristiche migliori della sua personale filmografia successiva.


con Jean-Claude Brialy, Gérard Blain, Michèle Méritz, Bernadette Lafont
Le beau Serge di Claude Chabrol, Francia, 1957, b/n, 95 min. ca

---
Condividi l'evento.